Punti di vista

Il tuo grado di inadeguatezza non soddisfa lo standard

Oggi ho deciso di parlarvi di una questione che potrà, a primo acchito, apparirvi marginale. Eppure nessuna condizione è marginale, per chi la vive. A sedici anni morivamo d’amore e ci sentivamo dire dai ‘grandi’ che non avevamo ancora visto nulla… eppure, per noi, quel sentimento era quanto di più doloroso avessimo mai provato. Tenendo sempre a mente questo concetto, dunque, procediamo: oggi vi parlo di quello che amo definire il limbo. Si tratta di un concetto applicabile a tante situazioni ma, nello specifico, mi riferisco ad un limbo… ponderale.

Detto in parole povere, mi riferisco a quando sei tagliata fuori sia dalla categoria dei grassi sia da quella dei magri perché, a detta di chi ne è dentro, non ne soddisfi i requisiti. Una cosa terribile da vivere, specie in adolescenza… perché, non so se ne siete al corrente, esiste una filosofia precisa per ognuna di queste categorie.

La filosofia del magro
Secondo il magro, il grasso non è altro che un soggetto privo di disciplina e amor proprio; non può esistere altro motivo, per il suo essere grasso, se non l’essere ingordo e senza freni e non pensare altro che a mangiare e poltrire, poltrire e mangiare, senza alcun rispetto di sé o degli altri. Per il magro, chiunque sconfini e sia fuori forma, sia che abbia 5 kg in più sia che ne abbia 50, è un grasso.

La filosofia del grasso
Secondo il grasso, il magro è prima di tutto un superficiale; non si interessa alla sostanza delle cose, solo alla loro estetica, ed è un narcisista incapace sia di amare che di formulare riflessioni profonde, oltre ad essere egoista e cattivo col prossimo. Per il grasso, se non hai superato una certa soglia di peso, sei ‘ancora’ magro.

Nonostante io sia cresciuta in un periodo storico in cui il range di taglie dei negozi non specializzati raggiungeva a stento la taglia 46 (adesso si è esteso alla 48) e fossi costantemente costretta a indossare abbigliamento hip hop unisex non meglio identificato o addirittura maschile, peggiorando la mia già precaria situazione psicologica, la mia candidatura al club dei grassi non è mai stata accettata e, anzi, i membri mi hanno sempre guardata con una certa diffidenza. Quanto al club dei magri, beh… di tanto in tanto ho messo un piede dentro, ammetto che si sono mostrati più disponibili, salvo poi eleggermi a mascotte o caso umano da proteggere. Poverina. Ti vogliamo bene anche così. Però alla festa di Giulio non puoi venire, poi ti raccontiamo noi.

Rifiutata anche dal club dei poveracci (la mia era una famiglia di imprenditori e si narravano storie di me che facevo il bagno nelle monete come Paperone) e da quello dei blasonati (imprenditori, sì, ma mica nobili), poi messa al bando dal club dei nativi – perché residente a 3 km dall’ingresso del paese – e da quello dei forestieri perché non sufficientemente lontana per giustificare una scelta del genere e, infine, cacciata dal club ‘mamme amiche’ perché mia madre lavorava troppo e non aveva tempo e dal club di ‘quelli-che-vivono-coi-nonni-perché-non-hanno-i-genitori-o-i-genitori-vivono-altrove’ perché… beh, i genitori li avevo, ho deciso di smettere di proporre candidature e fondare il mio club personale: il club di quelli che non vuole nessuno manco a prezzo di saldo e con la spedizione in omaggio.

Dove voglio andare a parare, con questa storia tragicomica e – a tratti – strappapugni (ché le lacrime mi sembrano eccessive)?
Semplicemente credo che questa strana concomitanza di eventi e di rimbalzi, questa esclusione perenne, per quanto all’epoca mi sembrasse ingiusta e dolorosa, abbia fatto sì che sviluppassi una serie di caratteristiche importantissime e, ahimè, ancora oggi molto sottovalutate: l’autonomia di pensiero e la capacità di attribuire un valore alla diversità. In realtà penso che ognuno di noi sia diverso da ogni altro, e che nessun membro di nessun club possa ritenersi in tutto e per tutto identico al suo collega o vicino più prossimo; tuttavia, quando sei inserito in questo o quel contesto sei portato a pensare di dover rispettare regole e parametri imposti, e ti castri costantemente, soprattutto per paura di perdere il tuo status. Questo meccanismo si radica proprio durante l’infanzia e l’adolescenza – no, non ho studiato né psicologica né pedagogia e quindi sì, le mie sono considerazioni personalissime – e, per quanto possa apparire ridicolo, vi assicuro che rimane lì pure durante l’età adulta: è molto, molto difficile cambiare modo di pensare fino a quel punto. Non impossibile, eh, ho detto difficile. Paradossalmente, se non hai nessuno status da perdere, non hai nessun motivo per omettere un pensiero, modificarne l’esposizione o – semplicemente – edulcorarlo.

Adesso mi rivolgo a te che stai leggendo: sono sicura, qualunque sia il club di cui fai parte, che anche tu hai omesso riflessioni/pensieri/sensazioni per paura che uscissero dal coro. Il coro dei magri, il coro dei grassi, il coro dei separati, il coro dei felicemente sposati, il coro degli intellettuali, il coro dei salutisti… ebbene, amico mio, io penso che sia un circolo vizioso. E voglio spiegarti perché: se ognuno di noi non avesse mai paura di essere ‘diverso’, se ognuno di noi dicesse sempre quello che pensa senza il timore di ritrovarsi escluso da questo o quello, l’esclusione e la diversità neanche esisterebbero. Ci troveremmo di fronte ad una sterminata varietà di pensieri, attitudini, azioni, modi di vivere… e sarebbe assolutamente impossibile additare questo o quell’altro soggetto come ‘voci fuori dal coro’. Quale coro?

Quanti danni ha già fatto questa tendenza a creare insiemi, sottoinsiemi, etichette? Quanto bene potrebbe fare accettare una verità che non è la mia verità ma una verità universale, e cioè che non esistono – né qui né altrove – due individui identici? Io non sono grassa, io non sono magra, io non sono una taglia, io non sono una città e non sono un orientamento sessuale. Io sono solo io.

E vorrei vivere in un mondo diverso da questo, in cui persino l’inadeguatezza e il disagio devono superare il controllo qualità.

7 Comments

  1. Avatar

    Sara

    3 Aprile 2015 at 5:59 pm

    Grazie, bellissimo post, mi ci sono rivista tanto, anche se devo dire che nella mia adolescenza ho avuto amici meno escludenti da quelli che descrivi, ma il senso di non appartenere mai a nulla, quello sì e quanto ci è voluto ad esserne orgogliosa e andare per il mondo a testa alta.
    E se vogliamo aggiungere alla lista di etichette, ne proporrei anche altre che vengono costantemente affibbiate ora che siamo nel mondo degli “adulti”: mamma vs non mamma, in carriera vs non mi frega del lavoro, di sinistra vs di destra, rock vs pop.
    Se poi vogliamo fare un bell’amarcord dei miei anni teen, la canzone che sceglierei è questa https://www.youtube.com/watch?v=Ckom3gf57Yw. I labeled you, you labeled me, so I dub thee unforgiven.

    1. Avatar

      Giorgia

      6 Aprile 2015 at 12:29 pm

      Ciao Sara… certo, fortunatamente ho incontrato anch’io, lungo il percorso, persone diverse da quelle che descrivo. Ma sempre in netta minoranza, purtroppo. Da adulti la situazione non cambia affatto, è vero: tutti sembrano sapere meglio di te cosa potresti/dovresti fare della tua vita, dei tuoi affetti, del tuo lavoro, del tuo tempo… è un vizio diffuso.

      Ti ringrazio infinitamente per il contributo (e anche per la canzone!)

      :*

      1. Avatar

        Almamara

        13 Aprile 2015 at 10:54 am

        Oddio, cosa e’ stata la mia fanciullezza! Hai tralasciato di considerare una situazione estrema, ma esistente: quella della della troppo magra, quella che a 16 si ritrova quattro ossa e nessuna forma, quella che indossa la tuta sotto i jeans per riempirli un po’ di più. No, non c’era un club neanche per me però avevo un paio di amiche, tutte reiette come me, ma solide nell’anima e nel cuore. In fondo dipende anche dalla mia, e forse nostra, incapacità di conformarsi. Io non ce la faccio proprio. Sono libera nel pensiero e detesto gli schemi, accolgo nel mio mondo chiunque mi piaccia e faccio tutto un po’ a modo mio, facendo i conti con tutti i miei dubbi e le mie incertezze.
        Complimenti Giorgia, per gli spunti di riflessione che riesci a cogliere e proporre.
        Ti leggo sempre con piacere. Sei destinata a grandi cose.
        PS: troppo magra ho smesso di esserlo da tempo….

  2. Avatar

    Silvia Stentella

    4 Aprile 2015 at 8:49 am

    Uh mamma. Sembra tu sia la mia gemella. Lavoro dei tuoi, mamma lavoratirice, distanza dal paese, ne grassa ne magra ….
    Mi ci sono rivista tutta.
    Ho imparato a fregarmene ma mi sono sempre incacchiata sul fatto che non mi posso vestire. O ti stanno stretti o ci caschi dentro o buttano male.
    Soluzione? Ho ritirato fuori la macchina da cucire di mamma e spolverato le nozioni base di cucito e via di pedale.

    Sul fatto delle considerazioni che fa il magro sul grasso… Ho delle colleghe di lavoro che la pensano proprio così e mi fanno imbestialire quando il loro giudizio si scaglia su quella collega che per problemi di salute in primis e poi per problemi di vita si trova ad essere in sovrappeso. Perché star sempre lì a giudicare invece di dare conforto o aiuto? Me lo chiedo sempre.

    1. Avatar

      Giorgia

      6 Aprile 2015 at 12:28 pm

      Grazie del commento, Silvia 🙂
      Non lo so, penso che – salvo volere comprare un’isola e trasferirci lì in massa – continueremo a chiedercelo sempre.

  3. Avatar

    Federica

    30 Novembre 2015 at 4:35 pm

    Che dire… Ti ho scoperta da poco ma leggere riflessioni di questa caratura… Sospiro, sorrido felice e ti ringrazio. Sebbene possano sembrare concetti piuttosto “semplici”, non lo sono realmente, non li abbiamo -socialmente- davvero interiorizzati e tendiamo invece a vedere il mondo sempre con delle lenti riduttive… E sempre le stesse lenti! Perciò grazie, ecco. Che bello. ^_^
    Un abbraccio, se posso.
    Federica

    1. Avatar

      Giorgia

      30 Novembre 2015 at 5:08 pm

      Grazie per aver tirato fuori questo post, quasi dimenticavo esistesse. Ovviamente la penso ancora come quando l’ho scritto (anzi, è uno dei miei temi ricorrenti… quelle volte che parto in monologhi così lunghi e noiosi che a un certo punto mi rendo conto di essere rimasta sola perché si sono tutti o allontanati o addormentati, lol). E non sai che gioia sia scoprire di non essere l’unica. Per fortuna accade, non tanto spesso quanto vorrei ma accade. E ne sono felice.

      Ricambio l’abbraccio.

Leave a Reply